Perché "ll più grande nemico della conoscenza non è l'ignoranza, ma l'illusione della conoscenza" S. Hawkings

Invasi da fake news e teorie improbabili, Paolo TuttoTroppo combatte l'analfabetismo funzionale con un approccio nuovo, insegnando al lettore ad usare la logica e diventare fact-checker di se stesso.
Esclusivamente contenuti originali su complottismo, bias cognitivi, debunking, pseudoscienze e tanto altro.

Leggi la Bio Completa ⟶

Ciarlatani che si credono Galileo: perché il metodo scientifico non è pseudoscienza

Colgo l’occasione di questa vignetta completamente fuori luogo (circolata qualche tempo fa sui social) per chiarire una cosa. I vari “laureati all’università della vita” che sostengono cose contrarie alla scienza ufficiale basandosi sui ciarlatani del web e si difendono con il classico esempio di Galileo che “aveva ragione ma nessuno gli credeva”, non hanno capito proprio niente e quando dicono così mi…

WYSIATI: giudicare senza informazioni

La distorsione cognitiva più importante di tutte, ma sicuramente una delle meno conosciute, è il cosiddetto WYSIATI. Per capire di cosa si tratta è utile un esempio pratico. Se avete mai comprato una settimana enigmistica nella vostra vita, sicuramente conoscete il gioco “unisci i puntini”: un disegno che presenta dei punti sparsi e numerati che, unendoli con dei segmenti, creano una figura.…

Metodo scientifico o antimetodo? Come si costruisce una prova scientifica

Come specificato in altri articoli, a fare la differenza tra una teoria scientifica e una antiscientifica non è il risultato in sé, ma il metodo adottato per raggiungerlo.L’approccio scientifico si muove infatti dai fatti alle conclusioni, mentre quello antiscientifico segue l’iter esattamente opposto. Come diceva il buon K.R. Popper, l’approccio confermativo non è necessariamente scientifico, perché si riuscirà quasi sempre a riadattare…